Viganò: Fettolini, ben 40 anni di carriera artistica in mostra

Fonte: www.casateonline.it

Armando Fettolini

Quarant’anni di carriera rappresentano un traguardo importante per un artista. Ad averlo raggiunto, avendo iniziato da giovanissimo, è Armando Fettolini, residente a Viganò, dove è fondatore del Gruppo Cultura e capogruppo di maggioranza in consiglio comunale. 
Una grande mostra antologica a Nova Milanese celebra l’artista che, ancora giovanissimo, dipingeva ed esponeva le sue prime opere tra il 1976 e il 1977. L’esposizione, curata da Simona Bartolena, si concentra sul tema del paesaggio, soggetto centrale nella ricerca di Fettolini. Attraverso ottanta opere che ripercorrono la produzione dell’artista dagli esordi fino ai nostri giorni, si dipana l’evoluzione del concetto di paesaggio nella sua opera: un paesaggio sempre in bilico tra realtà e astrazione, fisicità del vero e trascendenza. La mostra, organizzata dal Bice Bugatti Club sarà ospitata negli spazi di Villa Vertua Masolo a Nova Milanese dal 18 febbraio al 12 marzo.
“Questa antologica è dedicata appunto al tema del paesaggio della Brianza ed attraversa quarant’anni della mia produzione, con ottanta opere che vanno dal 1976 al 2016. E’ un occasione per me unica e credo irripetibile, almeno in vita…”  commenta Fettolini.
L’artista, nato a Milano nel 1960, ha infatti coltivato la passione per la pittura fin dall’infanzia, e già a quindici anni venne preso a bottega da un affreschista, Nicola Napoletano. A diciotto anni riceve il primo riconoscimento artistico, in occasione del premio per giovani artisti indetto dal Lions Club Monza Host, con una mostra collettiva all’Arengario. Sempre all’Arengario di Monza viene invitato a una collettiva che vede, tra gli altri, anche la presenza di Kodra e Guttuso. Nel 1987 si tiene la sua prima mostra personale presso la Trattoria Giuliana di Bernareggio. Il decennio 1987/1997 vede la ricerca artistica di Armando Fettolini indagare sempre più approfonditamente la materia, con studi e viaggi per conoscere meglio l’opera di Burri e Foutrier. Il 1997 è l’anno dell’ingresso ufficiale nel mondo del mercato dell’arte con la Galleria Mariartecontemporanea con la quale partecipa alle principali fiere d’arte nazionali e internazionali, esposizioni in luoghi pubblici e musei, con mostre personali e collettive. Negli stessi anni comincia a esporre anche all’estero, raccogliendo numerosi riconoscimenti. 

Nel 2000 riceve a Parigi il 5° Award Arjo Wiggins come miglior creativo italiano. A dicembre dello stesso anno inaugura a New York una personale alla galleria Art54; seguiranno mostre in Spagna, Francia, Corea del Sud, Germania, Lussemburgo, Slovacchia, Svizzera e in molte importanti location pubbliche e private italiane. Dal 2009 si dedica anche alle opere pubbliche, aggiudicandosi commesse che gli permettono di indagare nuovi aspetti della comunicazione artistica, quali la relazione tra opera e territorio. 
L’esposizione sarà inaugurata sabato 18 febbraio 2017 alle ore 17 presso Villa Vertua Masolo a Nova Milanese. A seguire gli orari di apertura al pubblico saranno: sabato dalle ore 15 alle ore 18; domenica dalle ore 10 alle ore 12 e dalle ore 15 alle ore 18.